FacebookVimeoYouTubeFlickr

PIACENZA, BONTA' E BELLEZZA A TUTTO "TONDO"

Voglio regalare a Piacenza una piccola idea sbocciata qualche giorno fa dal fitto cespuglio di considerazioni sul comunicare Piacenza, una ricerca che mi appassiona da tanto tempo. Nulla di quello che vi racconterò ha a che vedere con il lavoro che la governance di Piacenza per l’Expo 2015 sta intraprendendo e che sostengo con passione, senza farne parte in alcun modo :-( .

Come spesso accade, le idee sembrano sbocciare per caso, ma dopo più di quarant’anni di lavoro nella comunicazione ho capito che il caso non esiste, e se esiste non è detto che sia nostro buon amico. In realtà possiamo definire « creative » tutte le persone che hanno la dote o la disciplina di essere « macchine per collegamenti » sempre in moto.

Non è concesso a nessuno di « creare » nel senso stretto della paola, è una spiccata esclusiva di quel signore che abita ai piani alti, ma possiamo «inventare» surrogati di creazioni con la nostra abilità nel percepire collegamenti tra cose, parole, immagini e sensazioni già vissute, stimoli elettrici scolpiti più o meno profondamente nel nostro cervello, ma costantemente in vibrazione per essere consolidati, ritrascritti e upgradati da successivi eventi vissuti.

Detto questo, in casa qualche giorno fa, mentre dallo studio mi dirigevo verso la cucina, l’occhio mi è caduto sul Tondo di Botticelli illustrato sulla copertina del biglietto di auguri di Natale del Comune di Piacenza (non sono affatto uno dei vip a cui il sindaco manda gli auguri ma semplicemente ho vinto la gara per quella piccola fornitura). Appena dopo, entrato in cucina con la solita fame, la vista del piatto di tortelli preparati da Luisa ha creato in me un nanosecondo di blackout, la frazione di tempo che l’emisfero destro del cervello ha impiegato per collegare quelle due sublimi forme circolari. Il resto ce l’ho messo io, ed è nato l’annuncio pubblicitario interessante che vedete accanto a questo articolo, che attraverso il duplice significato della parola « code » mette in relazione due elementi mai prima d’ora collegati in tal modo. In altre parole, i due elementi – il piatto di tortelli e il Tondo di Botticelli vivevano la propria vita separati e nessuno aveva ancora costruito il fragile ponte che poteva unirli, dando vita a un pungente, nuovo gioco comunicativo.

Niente di speciale, perchè questa « chimica » capita tutti i giorni a una marea di persone che fanno un mestiere come il mio. E è anche al loro impegno che dedico questo articolo.Ma non è tutto ! (ho usato il punto esclamativo non a caso). Non è tutto. Non è mai, mai tutto: quando scopri di aver costruito un meccanismo che funziona, non correre via soddisfatto a autoincensarti, ma resta umile in attesa. In attesa di cosa? In attesa che quel « parto » si completi al di là del tuo tavolo di lavoro, regalandoti la ciliegina sulla torta che ti stavi già sbranando.

Ero nello studio di Alessandro Bersani (autore della riproduzione del Tondo) per la ripresa del piatto (da me dipinto) e, mentre l’amico fotografo ungeva con cura maniacale le foglie di salvia, il fragile ponte che legava per la prima volta quelle due grandi eccellenze della nostra terra, divenne d’acciaio: in dialetto piacentino « tondo » si dice « tond » che significa anche « piatto ».

Grazie a Gaetano Rizzuto e a Libertà per la bella pagina che mi ha dedicato.

Qui una suggestione visiva per salutare il Tondo di Botticelli che il 21 marzo 2015 è esposto al museo Bunkamura di Tokyo nella grande mostra "Denaro e Bellezza". https://vimeo.com/119614468




Graphic stories

Bella esperienza questa, iniziata durante uno dei frequenti pranzetti in

Graphic stories

Per i 120 anni di Libertà, quotidiano di Piacenza dal 1883, h

Graphic stories

La prima azione decisa di posizionamento del territorio piacentino nasce nel 2010

Graphic stories

Mi piace il mio lavoro lavoro perché non sai mai chi ti chia

Graphic stories

Il nuovo sito web di Emilcotoni è stata l’occasione per l’impresa di rendere più razionale

Graphic stories

Per il nuovo corso della mitica Coltelleria Caimano ho realizzato il restiling del logo, il payof

Graphic stories

In questa gallery i principali loghi che ho creato per la fam

Graphic stories

E’ una bellissima collezione di fotografie provenienti dall’archivio

Graphic stories

Quando ero bambino, nel popolare gioco dei nomi delle città,

Graphic stories

Ritengo questo marchio, realizzato nel 1997 per Tecnoborgo sp

Graphic stories

Vernazza, nelle cinqueterre, è un crocevia di incontri per a

Graphic stories

E’ un’insieme di piccoli spunti creativi presenti all’i

Graphic stories

Per l’amico Luigi Perazzoli, titolare di Scriba, un’azien

Graphic stories

Generali Propertiis, asset del gruppo Generali per il campo i

Graphic stories

“Noi e il cotone”

Graphic stories

Il momento era topico per l’azienda: per la prima volta Emi

Graphic stories

Ho realizzato questo marchio nel lontano 1975 e ho il piacere

Graphic stories

Realizzato alla fine degli anni ’80, il logo Bonatti resta

Graphic stories

A 5 anni dal lancio di « Quintessece by Emilcotoni 

Graphic stories

Il 2011 è stato l’anno dei festeggiamenti per il 150° del

Graphic stories

Confindustria Piacenza mi ha affidato la creazione di una nuova pagina istituzionale che potesse

Graphic stories

Quando si toccano i miti bisogna farlo con estrema attenzione.
Con una tradizione così forte

Graphic stories

Collaboro con questo storico quotidiano da vent’anni e l’intelligenza e la capacità visionar

Graphic stories

Piacenza è bella perchè è varia, come la vita.
Questa è una campagna mai realizzata, non